Pagine

sabato 11 febbraio 2012

Pan brioche senza impasto


Quando ho visto questo pan brioche me ne sono innamorata subito, tempo fa feci queste brioche senza impastare, e le trovai davvero buonissime, quindi ero davvero molto curiosa di provare questa ricetta ed ora che finalmente sono riuscita a provarla, non la lascio più.
Questa brioche è un po' diversa da quella classica, però considerando che si ottiene davvero un ottimo risultato lavorando pochissimo, consiglio di provarla a tutti: perchè tu  prepari velocemente l'impasto, lo giri con un cucchiaio, la fai lievitare 2 h.,(se hai tempo), e poi la metti in frigo e lo tiri fuori quando puoi (da 1 minimo di 24 h. fino ad un massimo di 5 giorni), quando vuoi una colazione o una merenda diversa dal solito.
E' sofficissima e leggera, ottima con marmellata o nutella.
Questa brioche è dedicata, in particolar modo, a tutte quelle persone, che magari non hanno molta dimestichezza con gli impasti lievitati e pensano che senza impastatrice non si possa ottenere un buon risultato....ecco provate questa ;)
La ricetta l'ho vista prima da  Tuki , poi da Comida e c'è stata una lunga chiacchierata su coquinaria 

Ingredienti per stampo rettangolare da plumcake lungo 30 cm:
250 g di farina Manitoba
75 g di acqua tiepida
11 g di lievito fresco
50 g di zucchero o di miele liquido
2 uova a temperatura ambiente
100 g di burro, sciolto a bagnomaria e fatto raffreddare
1 scorza limone o arancia grattugiata
1 pizzico di sale
per guarnire:
1 uovo +  latte q.b.
granella di zucchero o zucchero semolato

Sciogliere nel microonde il burro quindi aggiungere il miele o lo zucchero, così iniziano a sciogliersi, aggiungere infine l'acqua tiepida, in cui avremo sciolto il lievito.
In una ciotola (che poi metteremo in frigo) sbattere leggermente le uova con un pizzico di sale, aggiungere il composto burro/miele/acqua/lievito e poi a cucchiate la farina, gli aromi (arancia, limone, vaniglia etc) e il sale.
Mescolare con un cucchiaio di legno tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.
Dopo la lievitazione
Coprire l'impasto con pellicola ( io utilizzo anche per mescolare un contenitore di vetro con coperchio e poi copro con pellicola e coperchio), e far lievitare per 2 h.
Trascorso il tempo mettere la ciotola in frigorifero e lasciare riposare per un minimo di 24 h. fino a un massimo di 5 giorni.
Togliere l’impasto dal frigorifero e dividerlo in 3 parti uguali e formare una treccia.
Trasferire la treccia in uno stampo rettangolare da plumcake lungo 30 cm rivestito di carta da forno. Lasciare lievitare in ambiente caldo per circa 2h., io la metto dentro il forno con la luce accesa.
In una ciotolina sbattere il tuorlo con il latte e spennellare la superficie della treccia, (io utilizzo solo latte). Cospargere di granella di zucchero e infornare a 180° per 25-30 minuti, fino a raggiungere una doratura ottimale.

 Le mie valutazioni :
  • vi consiglio d'usare direttamente un recipiente, magari ermetico, da mettere diettamente nel frigo, senza sporcare altre cose;
  • quando si aggiunge l'acqua con il lievito, stare attenti che il burro non sia troppo caldo, per non rovinare il lievito;
  • se l'impasto dovesse risultare troppo morbido per riuscire a realizzare la treccia, fate le pieghe di Bonci, che trovate qui al minuto 5,20 circa:
  • volendo una brioche più golosa si può farcire la treccia con marmellata, cioccolato, nutella; basterà stendere leggermente con un mattarello ognuna delle tre parti, e farcirle a piacere e chiudere l'estremità pizzicando leggermente i bordi, per non far fuoriuscire il ripieno; quindi procedere alla formazione della treccia;
  • si possono aggiungere all'impasto prima di metterlo in frigo, uvette, cioccolato a pezzi, mirtilli rossi essicati, erc.;
  • gli aromi li ho aggiunti io, ma ognuno può ometterli o utilizzare gli aromi che preferisce, io l'ho preparata sia con scorza di limone, sia con quella d'arancia che preferisco se si mangia con nutella o cioccolato;
  • chi ha provato a non farla lievitare 2 h.prima di andare in frigo, non ha notato grandi differenze;
  • se non piace il dolce non molto dolce, si può aggiungere ancora 25/50 g. zucchero, io la preferisco così, soprattutto se la si accompagna con marmellata o nutella.

15 commenti:

titty ha detto...

che bella trecciona! e grazie per i consigli! la provo

patatina ha detto...

che bontà! anche io l'ho fatta qualche giorno fà! voglio provare anche la tua versione!

tittina ha detto...

molto interessante questa versione di impasto voglio provare a farlo!!! sono molto utili e tuoi consigli grazie mille.. come va Luciana tutto bene?ti auguro una buona domenica che dicono freddissima!!!Tittina

pizzicotto77 ha detto...

che buona, la segno subito. un bacione

Donaflor ha detto...

Ah...ecco una ricetta davvero interessante!!! bellissima la trecciona!

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

UNA COLAZIONE SUPER CON QUESTA TRECCIA UN IMPASTO ANCHE CURIOSO...COMPLIMENTI..
LIA

Claudia ha detto...

T'è venuto benissimo!!! avevo visto questa ricetta tempo fa.. e mi aveva incuriosita... baci e buona domenica :-)

Monique ha detto...

Ciao! ma quante cose belle e morbidose che fai!!

MONIA ha detto...

Ma che bel blog che ho trovato!!!! ottima ricetta e ti seguo con vero piacere xche' sei bravissimaaaa ^_^

Giovanna ha detto...

fantastico conservane una fettina che passo

Ale ha detto...

è meraviglioso !

marifra79 ha detto...

Caspita che meraviglia! Non ne faccio una da troppo tempo, sempre di corsa e non penso mai a dolci del genere! Confesso che mi hai messo una gran voglia di provarla:-)) Un abbraccio e buonissima serata

elly ha detto...

Lucià, me l'ero persaaaaa!!! Ma ho subito rimediato!!! Cercavo qualcosa di simile, perché il tempo a volte è tiranno!!! Grazie!

stefania ha detto...

Adoro queste trecce, in casa nostra dura giusto il tempo di una colazione. Da provare!

LA PASTICCIONA ha detto...

ricetta eccezionale ,baci